Gli sequestrano l’ape e non sa come vivere: gara di solidarietà per Massimo

LECCE- La storia di Massimo Metrangolo che vi abbiamo raccontato ieri ha commosso tutti. Ha aperto uno squarcio sull’altra faccia della Lecce Candidata a Capitale della Cultura europea: quella dell’indigenza, della disoccupazione, del vivere alla giornata per portare a casa qualcosa da mangiare.

Con la sua ape 50 Massimo, residente nella 167 di Lecce, riusciva, con qualche piccolo trasporto, a guadagnare 15, 20 euro al giorno. Poi, il 4 ottobre il sequestro: non era riuscito a raccogliere i soldi per pagare l’assicurazione.

Attraverso le nostre telecamere massimo, mettendo da parte la riservatezza , ha chiesto aiuto ai suoi concittadini. Per lui è scattata una gara di solidarietà. In tanti in queste ore ci stanno chiamando per offrire a massimo un aiuto: gruppi di persone che hanno deciso di raccogliere del denaro con delle collette tra amici e vicini di casa. Una storia che ha toccato i cuori e che ha indignato nello stesso tempo, esemplare sicuramente, ma non certo l’unica. Di casi come quello di massimo ce ne sono tanti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*