Un escavatore sulle teste degli alunni: i genitori non mandano i figli a scuola

TAVIANO-Un escavatore sulle teste dei bambini che fanno lezione: un pericolo inconcepibile per i genitori degli alunni della scuola media Alberto De Blasi di Taviano che, per questo, si sono riuniti e non hanno fatto entrare i figli in classe.
La storia raccontata dai genitori: durante l’estate si sarebbero dovuti eseguire lavori risanamento dell’edificio. Lavori che, invece, sono iniziati a settembre e dunque con i bambini all’interno. Era previsto l’efficientamento energetico, con lavori di pannellatura solare. Per questo, sul tetto della scuola, c’era un escavatore “E parliamo di un edificio che ha 54 anni!”, tuona un papà.

Poi le piogge hanno fatto il resto, aggravando la situazione: i basoli erano stati tolti, il solaio si è allagato, è stato necessario praticare dei fori e la scuola e le aule del primo piano sono state dichiarate inagibili per una settimana. Ma i genitori proprio non ci stanno, senza ulteriori rassicurazioni, a far tornare in classe i bambini. Si chiede quanto meno il certificato di agibilità rilasciato dai Vigili del Fuoco. Anche perchè, sempre secondo le accuse dei genitori, non sarebbero rispettate le norme minime di sicurezza previste all’interno dei cantieri.

 

 

DSC_0007

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*