Fitto candidato in Puglia, lo propone Caldoro ma potrebbe esser una porvocazione di Berlusconi

minerva

BARI- Dopo i giorni delle polemiche con Berlusconi non osiamo immaginare cosa risponderebbe Raffaele Fitto alla proposta del Presidente della regione Campania sull’ipotesi di candidarlo alla successione di Vendola.


La proposta di Caldoro è per comprovare che sara lui il prossimo leader Naz.le di F.I o semplicemente un’idea per tentare di recuperare una Regione da dieci anni nelle mani del centrosinistra? Fitto ha già più volte declinato l’invito ma boates interni, nelle scorse settimane, ipotizzavano proprio una simile possibilità.

Dopo il forte contrasto tra il Cavaliere ed il Salentino, quanto ipotizzato da Caldoro, potrebbe anche esser una mossa voluta proprio da Berlusconi. Così come potrebbe esser una perentoria risposta a Fitto, ed una forte provocazione, l’idea del Leader azzurro, di investire nella leadership di F.i. proprio il Presidente della Regione Campania da sempre forzista, quasi coetaneo di Fitto e con propri voti come, appunto, l’ex ministro di Maglie.

In questa bagarre, in ogni caso, in Puglia il centro sinistra da novembre, attraverso le primarie, deciderà ufficialmente chi sara il candidato post Nichi tra Emiliano, Minervini e Stefano cosi come, da dicembre, la coalizione avversa al centro destra potrà ufficialmente esser in campagna elettorale ma con l’incognita dell’avversario. Si per ora incognita perche non ha ben compreso, lo stesso elettorato del centro destra, se ci saranno o meno le loro primarie, quando, con quali candidati e principalmente con quali regole per poter prima presentare un’investitura e poi cercarsi i voti. Su questo l’ex Pdl è allenato: arrivare sempre all’ultimo momento e poi magari perdere, tranne quando vinse nel 2000 proprio Fitto ma 15 anni sono un’era glaciale e per ora c’è solo il freddo rapporto tra Berlusconi ed il sempre verde leader salentino.