Il day after di Fitto, oggi a Verona da Tosi: “Non polemizzo, faccio politica”

ROMA- «Sto con Raffaele Fitto perché ha coraggio e vuole far ripartire il centrodestra» ma non chiamateci frondisti, cosi Tosi ha accolto Fitto all’indomani della bagarre romana ed il duro scontro con il Cavaliere. “In Forza Italia”, continua il Sindaco di Verona, “c’è un dibattito tra chi ha i voti, chi ha il consenso della gente e chi ha avuto regalato un posto in Parlamento” come se volesse dire: ecco perche Berlusconi ha ancora la maggioranza del partito.

Ma Fitto continua la sua battaglia dentro Forza Italia convinto che la Puglia possa esser un forte potere contrattuale per il futuro del centro destra. Non si dichiara offeso nell’esser stato definito figlio della Dc ma sottolinea che “parole come quelle non si dovrebbero pronunciare nemmeno in una scena così brutta…Io ho perso mio padre a 18 anni. Morì in un incidente stradale,lui ne aveva 47 e certe cose non si devono dire» forte risentimento ma non offeso per esser nato, anche Fitto, nella dc e forse anche sapendo che lo stesso Berlusconi ha uguale origine politica.

Infatti da democristiano fu l’ex leader scudocrociato, Pino Leccisi, a presentare l’ex Presidente del Consiglio al socialista Craxi. Fitto è a Verona non solo per una riunione di partito ma anche per partecipare ad un convegno di Confartigianato con l’ex ministro Passera da sempre convinto di dover non uscire dalla politica tanto da creare l’associazione Italia Unica. Secondo qualcuno potrebbero esser le prove tecniche di un nuovo polo moderato ma Fitto assicura:“Non uscirò da Forza Italia” come dire se vuole mi cacci, io non vado via

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*