Il Lecce inciampa nella città dei Sassi. A Matera finisce 0-0

LECCE-  Il Lecce inciampa nella città dei sassi e torna da Matera con in tasca un punto frutto di uno zero e zero che muove la classifica ma lascia un pizzico di amaro in bocca. La matricola Matera, con il terzo pareggio di fila conserva la sua imbattibilità, rallenta la corsa dei giallorossi in classifica in un match che avaro di emozioni nel primo tempo si è acceso nella ripresa senza pero’ risultare bellissimo al termine dei 94 minuti giocati al XXI Settembre. Non c’è Miccoli nell’undici titolare di Lerda e non c’è Donida squalificato. Dal primo minuto c’è invece Mannini confermato dopo l’esordio avvenuto una settimana prima nel match con il Barletta.

Il tecnico di Fossano parte con la difesa a quattro prima di far indossare il nuovo abito tattico alla sua squadra il 3-5-2 modellandolo in corso d’opera a seconda delle fasi di gara. Agli ordini del fischietto affidato al signor Belice di Termoli, il Matera di mister Auteri si presenta con il suo collaudato 3-4-3 improntato soprattutto sulle ripartenze affidate a Madonia, Letizia e Guerra. Primo tempo come detto avaro di emozioni, squadre molto attente a non subire con i lucani piu’ insidiosi nello sfruttare in velocità le ripartenze sulle corsie esterne.

Il Lecce compatto tra i reparti concede poco agli avversari ma non riesce a costruire dal centrocampo in su’. Occasioni da gol con il contagocce nei primi 45 minuti e pochissimi sussulti. La svolta potrebbe arrivare dai calci piazzati. Ci prova Moscardelli. La sua conclusione è stoppata da Letizia che anticipa l’uscita dalla barriera. Siparietto nella protesta dell’attaccante che scivola davanti al direttore di gara trascinandolo a terra.

E’ nella parte finale della prima frazione di gioco che il Lecce aumenta il ritmo creando qualche problema alla porta di Baiocco. Bravo l’estremo difensore sulla conclusione di Mannini. Poco dopo tra Moscardelli e la porta del Matera c’è qualche centimetro di troppo e la sfera non viene deviata dall’attaccante. Il Matera prova a farsi vedere ma la posizione di Guerra è irregolare e rilevata da Belice di Teramo. Ancora Lecce allo scadere con Lopez che pero’ non indirizza bene un cross di Doumbià sparando alto. Nella ripresa i ritmi sono alti dall’inizio e la gara si accende. Mister Auteri manda in campo Albadoro, un attaccante per Madonia e dopo pochi giri di lancette il Lecce corre il primo vero pericolo del match con Letizia bravo a gestire un pallone al limite e da posizione defilata tentare il giro sul palo lontano.

Caglioni vede la sfera impattare sulla traversa prima di accompagnarla fuori con lo sguardo sulla ribattuta di Bernardi. La squadra di Lerda prova a scrollarsi subito di dosso la paura del pericolo corso e risponde con Doumbià. Si vede un Lecce piu’ propositivo nella volontà che riesce a conquistare metri alzando il baricentro. Gomes rileva Doumbià e Lerda ridisegna la squadra. Mannini si sposta nuovamente a destra. L’ex Perugia non ha un approccio felice al match e da un suo disimpegno errato nasce l’occasione del Matera. Sbroglia Martinez davanti a Caglioni. E’ un episodio per i lucani perchè il pallino del gioco è nelle mani dei giallorossi. Moscardelli si immola in area e rischia la faccia ma inutilmente. L’attaccante subito dopo lascia il posto a Miccoli che si presenta in pochi minuti su calcio da fermo ma senza impensierire troppo Baiocco.

Il Matera non punge piu’ ma cerca di limitare le giocate dei giallorossi che pero’ difettano in fase di finalizzazione. A cinque minuti dal termine del match l’arbitro vede bene un’entrata di Abruzzese al limite e concede una punizione dal limite. Il Matera reclama per il rigore. Il tiro di Goletti è deviato da Miccoli e lo stesso capitano ad un minuto dal novantesimo fa sussultare i tifosi sugli spalti. Ottimo il suo controllo seguito da una finta che gli permette di defilarsi in area e calciare. Strozza troppo la conclusione pero’ l’attaccante. E’ questa l’ultima occasione per il Lecce che dunque sale a quattro punti in classifica e per la seconda giornata consecutiva non subisce gol. Mister Lerda valuterà in settimana la prestazione dei suoi ragazzi, anche eventualmente la possibilità di riproporre la nuova veste tattica, e certamente cercherà di migliorare la fase offensiva che in tre gare di campionato ha visto la squadra andare in gol in due occasioni.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*