Edilizia scolastica: 22 milioni per la svolta leccese

LECCE- Il mondo della scuola è tutto da rifare e vale lo stesso per l’università pubblica, sempre più povera e poco allacciata al lavoro. Il governo Renzi ha deciso di cominciare dall’edilizia scolastica: le cronache, del resto, parlano già da molto tempo di edifici pericolanti e strutture fatiscenti che ospitano gli studenti italiani.

Nella provincia di Lecce la situazione è critica, per questa ragione le istituzioni sono intervenute destinando la maggior parte delle risorse della Puglia. E’ lo stesso sottosegretario all’Istruzione, Università e Ricerca, Roberto Reggi ad annunciarlo in conferenza stampa a Palazzo Turrisi: “Dei 66 milioni per la Puglia, 22 andranno alla Provincia di Lecce.

Il governo si sta impegnando per rendere le scuole più sicure e decorose”. Per questa operazione l’esecutivo ha recuperato un miliardo puntando a cambiare anche la proposta educativa: sono state presentate le linee guida. Prevista la formazione continua per gli insegnanti. Soddisfazione da parte della responsabile dello Sviluppo Economico della Regione Puglia, Loredana Capone, che sottolinea l’importanza dell’intervento sistematico e della riforma organica renziana, che punta sull’alternanza scuola lavoro, strumento fondamentale per assicurare una prospettiva a milioni di studenti. “Ma c’è anche un’altra importante innovazione- sottolinea l’assessore regionale -, la scuola digitale e l’utilizzo delle lingue: anche qui ci sarà una svolta, come è avvenuto in altri paesi europei”.

Molte le richieste rivolte al sottosegretario da parte delle istituzioni. Per l’assessore all’Innovazione Tecnologica del Comune di Lecce, Alessandro Delli Noci, “è necessario un maggior dialogo con le città e la creazione di una cabina di regia che coinvolga il Ministero dello Sviluppo Economico, quello della Ricerca, città e Regioni, al fine di programmare insieme i finanziamenti e gli interventi da mettere in campo”. Anche il rettore dell’Università del Salento, Vincenzo Zara ha delle richieste importanti da fare al Governo: “Più risorse e più attenzione a Lecce”. Il Magnifico insiste sulla necessità di istituire la facoltà di Agraria per agganciare meglio l’università al mondo del lavoro e alle opportunità che la nostra terra offre.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*