“Unificare le forze di Polizia”, da piazza S.Oronzo parte la raccolta firme

LECCE- A Roma si sono, letteralmente, fatti prelevare il sangue. Un gesto, tra l’altro utile, ma che voleva indirizzare al governo centrale un messaggio chiaro: “Ci togliete anche il sangue, e allora tanto vale che ce lo facciamo noi davvero”. Il punto sono i tagli che dall’esecutivo di Renzi sono stati improntati per racimolare risorse, a discapito, però, della sicurezza.

Ed è per questo che, dopo Roma, i sindacati autonomi di Polizia, Penitenziaria, Vigili del Fuoco e Forestale hanno deciso di presidiare piazza Sant’Oronzo a Lecce per tutto il giorno.

Un camper, un gazebo e una raccolta firme, da fare anche on line, per chiedere di sostenere la loro proposta di razionalizzazione della spesa. Perché, sulla volontà di risparmiare non c’è alcuna contrarietà, ma – dicono – è bene farlo con criterio per non mettere a repentaglio la sicurezza dei cittadini.

Il governo dal blocco del turn over fino al 2015 e dai tagli al budget conta di risparmiare qualcosa come un miliardo e mezzo di euro. Ma il rischio di lasciare sguarnite le città del presidio fondamentale della sicurezza è altissimo.

Pochi uomini, pochi mezzi e ora il rischio è che ce ne siano ancora meno. Per questo è necessario che la controproposta sia sostenuta da quanta più gente possibile. Ed è per questo che dopo Lecce la manifestazione toccherà Brindisi, Taranto per poi percorrere tutto lo Stivale.