Schianto fatale ad Andrano, muore ciclista di 19 anni

doc cantina salice

ANDRANO- Schianto mortale questa sera ad Andrano. A perdere la vita Raffaele Salvatore Stefanelli, 19 anni, travolto mentre era in sella alla sua bicicletta, lungo la strada provinciale che collega a Depressa. Erano le 20.30 quando una Fiat Punto, condotta da M.R., anche lui 19 anni, di Tricase, ha tamponato il ciclista, trascinandolo per un centinaio di metri. Raffaele Salvatore Stefanelli è morto sul colpo. Il conducente della Punto è stato, invece, trasportato presso l’ospedale Panico di Tricase per accertamenti, ma non ha riportato ferite.

L’incidente è avvenuto a circa 300 metri dal centro abitato, in direzione Andrano, su una via già teatro di tragedie simili, come quella avvenuta il 12 marzo 2008, quando a perdere la vita sono state quattro anziane di Marittima, frazione di Diso. Strada maledetta quella provinciale: un rettilineo stretto, banchine poco transitabili e, soprattutto, illuminazione scarsa. A favorire il tamponamento potrebbe essere stato, infatti, proprio il buio.

Nel sinistro è rimasta coinvolta anche un’altra auto, una Toyota Corolla, guidata da una donna di Andrano, scontratasi con la bicicletta che era rimasta a centro strada dopo che il ragazzo era stato sbalzato sull’asfalto.

Sul posto i carabinieri della stazione di Spongano e della compagnia di Tricase, oltre ai vigili urbani di Andrano. Si cerca di ricostruire la dinamica. Stefanelli stava, a quanto pare, tornando a casa dal lavoro. Da qualche tempo, infatti, era impegnato nella distribuzione di volantini pubblicitari. Aveva iniziato a frequentare la scuola alberghiera di Santa Cesarea Terme, ma poi aveva deciso di dedicarsi ad altro. Primo di tre figli, era molto conosciuto in paese. Per la sua grande vivacità, durante l’adolescenza è stato affiancato dai volontari della Misericordia di Andrano che hanno sostenuto il relativo affiancamento scolastico. Ragazzo molto attivo, veloce, puntuale sul lavoro. Era uno, insomma, che si dava da fare.

andRANO 18ENNE

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*