Dario Stefàno: “Mi candido alle primarie del centrosinistra”

BARI- “Sono qui oggi per dire alla Puglia che mi candido alle primarie del centrosinistra”. Poche parole per dire che il gossip è finito. Dario Stefàno è il primo candidato ufficiale alle primarie del centrosinistra fissate per il prossimo 30 novembre per scegliere colui o colei che dovrà contendersi il posto da governatore di Puglia.
Non mi candido perché sono senatore di Sel – ha detto Stefàno – non mi candido perché sono presidente e fondatore de La Puglia per Vendola, “lo faccio per essere il candidato dell’intero centrosinistra”. La candidatura di Stefàno è un’implicita ma chiara uscita di scena del governatore Nichi Vendola che potrebbe annunciare già lunedì la decisione di fermarsi qui.

“Sarà lui a dover dire ciò che decide per sé” ha commentato l’ex assessore all’Agricoltura, promuovendo i 10 anni che si stanno concludendo e palesando l’intenzione di ripartire proprio da lì. Itour per la Puglia che lo hanno impegnato nei mesi scorsi riprenderanno, ha detto, lanciando poi un messaggio al centrosinistra: “La mia candidatura è per dire che ci siano, e c’è una intera comunità che mi ha chiesto di scendere in campo”. Quanto al suo competitor Emiliano, candidato in pectore del Pd finché non incenserà la decisione con il crisma dell’ufficialità, che via twitter gi ha augurato “un in bocca al lupo in vista di una battaglia vera e leale”, Stefàno ha replicato di “non temere la candidatura del segretario del Pd ma, anzi, di sperare che ce ne siano molte di più a misurarsi con questa esperienza”.

I casa centrodestra invece la situazione è meno nitida. L’unico a dirsi disponibile a candidarsi con o senza l’avvallo di orza italia è l’oncologo e prsidente della ex provincia d Bari francesco schittulli. Per il resto è buio fitto, cm lo è nel nuovo centrdestra che in questi giorni è alle prese con Udc e scelta civica su ragionamenti complessivi che porteranno abreve alla decisione sulla strada da prendere. Se quella che va veso desra o quella che ammicca al centrosinistra targato renzi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*