Lecce, Doumbià resta. Adesso un attaccante

LECCE- La strada battuta è quella annunciata appena sette giorni dopo la fine del campionato. Era stato il patron Savino Tesoro in conferenza stampa a dettare le linee guida che il direttore sportivo Antonio Tesoro avrebbe seguito per ricostruire il Lecce targato stagione 2014/15.

Una ricostruzione in realtà parziale dal momento che il mosaico da comporre e consegnare nelle mani del tecnico Franco Lerda era già in buona parte costruito. Mantenere un’ossatura di base sulla scorta dell’organico che aveva appena concluso la stagione e puntellare qualche reparto con innesti mirati e di qualità.

Questo in sostanza l’obiettivo. Antonio Tesoro nei giorni immediatamente successivi al termine del campionato aveva bloccato Papini, Salvi, Sacilotto, Amodio, Perucchini. In seguito ai già sotto contratto Martinez e Abruzzese si è aggiunta la “fumata bianca” per Fabrizio Miccoli. I dettagli saranno discussi nello stretto giro di alcuni giorni per il bomber di San Donato ma sulla parola esiste già un accordo tra il giocatore e la società. Adesso pero’ restano da decifrare alcune posizioni che nel frattempo sono uscite allo scoperto.

Primo su tutti quella del francese Doumbià. Franco Lerda aveva espressamente detto che la sua riconferma in giallorosso sarebbe stata particolarmente gradita. Il Ds Tesoro lo sta per accontentare dopo una lunga e non semplicissima trattativa in atto con il parma detentore del cartellino dell’esterno sinistro. Nonostante alla porta del club emiliano avessero bussato Salernitana, e le neo promosse in serie B Perugia e Frosinone, il Lecce avrebbe avuto la meglio.

Doumbià dovrebbe restare in giallorosso e nell’intreccio di trattative probabilmente potrebbe anche spuntare il nome di Gabionetta che nalla scorsa stagione ha giocato in Romania dopo che in Italia ha militato vestendo le maglie di Pisa, Albinoleffe, Crotone e Torino. Nell’affare Doumbià in ogni caso rientrano anche i giovani Kalombo e Casiraghi che verrebbero ceduti al Parma che potrebbe decidere di piazzare i due in altri club. Doumbià è in linea con il pensiero di altri suoi compagni di squadra che con la maglia del Lecce vedono un’occasione di riscatto per il campionato perso a 4 minuti dai calci di rigore della finale play off. Sono giorni di incontri, sondaggi e trattative per il Ds che intende tenere fede a quello che era uno dei primi obiettivi prefissati.

Arrivare alla data del ritiro precampionato che si svolgerà a Saint Vincent, con una squadra quasi al completo. Tutto questo per dare il maggior tempo possibile al tecnico di amalgare gruppo e schemi e non farsi trovare impreparati all’inizio di stagione. Si discute sul rinnovo di Caglioni che in realtà non avrebbe intoppi se non quello di piazzare l’altro portiere Benassi nel frattempo rientrato a Lecce dopo l’esperienza con la Juve Stabia. Restano poi da sciogliere i nodi Vinetot con il Genoa, Diniz, Zigoni e Beretta con il Milan. Sul fronte nuovi ingaggi resta calda la pista che porta all’attaccante Luigi Della Rocca, l’affare sarebbe a buon punto mentre per l’ipotesi Evacuo, bisognerà attendere almeno lunedì quando il giocatore sarà svincolato.

Su di lui sarebbero piombati anche altri club che potrebbero disturbare le intenzione della società giallorossa. Secondo indiscrezioni la società starebbe lavorando su un altro nome per il reparto offensivo, nome sul quale pero’ ci sarebbe il piu’ stretto riservo e che non sarebbe tra quelli in circolazione.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*