Maltempo Salento, “grandinata e bomba d’acqua”, colture a rischio. La conta dei danni

doc cantina salice

CAMPI SALENTINA- “Violenta grandinata” e “bomba d’acqua” sono i termini che Coldiretti usa per definire il maltempo di domenica, che si è abbattuto anche sul triangolo vitivinicolo d’eccellenza, Guagnano-Salice-Campi. La violenta perturbazione è avvenuta tra le 11 e le 12, ed ancora intorno alle 17 erano visibili gli enormi chicchi di grandine sui campi.

“Sconsolante lo scenario davanti al quale si sono trovati i viticoltori: un manto bianco di ghiaccio e pozzanghere enormi tra i filari” . E, 24 ore dopo, è tempo di conta dei danni. Diversi tecnici stanno effettuando sopralluoghi nei campi e moltissimi proprietari di aziende agricole si sono recati negli uffici di Coldiretti, ognuno con il proprio resoconto dei danni prodotti da questa insolita ma sempre più consueta anomalia meteorologica.

In alcune zone -spiegano da Coldiretti- il danno potrebbe essere di notevole entità in un periodo delicatissimo per la maturazione delle uve e potrebbe pregiudicare la qualità e la quantità dei vini. «E’ l’ennesima riprova che l’agricoltura – commenta il direttore di Coldiretti Lecce, Giampiero Marotta – oltre alla crisi globale dei mercati, per la quale può fare ben poco, purtroppo è l’unico settore che deve fare direttamente i conti con le mutazioni del clima ed una serie di eventi bizzarri che in questi ultimi anni stanno assediando le nostre colture. I nostri uffici territoriali sono a disposizione di tutti coloro che vorranno presentare le segnalazioni del caso. Informazioni che riteniamo di grande utilità per poter fornire alle autorità competenti un quadro esaustivo dei danni».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*