Lecce, Lerda squalificato fino al 31 dicembre

LECCE-  Mano pesante del giudice sportivo nei confronti del tecnico del Lecce Franco Lerda protagonista, a fine partita, di una rissa con i sostenitori del Frosinone. Lerda è stato squalificato fino  al 31 dicembre 2014. 

Questa la motivazione: «Perchè al termine della gara, in reazione alle provocazioni di un tesserato della squadra avversaria, si scagliava contro quest’ultimo e lo colpiva con un pugno; allontanato da alcuni addetti alla sicurezza e dai propri dirigenti, ne eludeva l’intervento e raggiunto un calciatore della squadra avversaria lo strattonava e lo colpiva con una manata al volto; dopo essersi apparentemente calmato raggiungeva la curva dove erano posizionati i sostenitori della propria squadra per salutarli unitamente ad alcuni calciatori; nel rientrare negli spogliatoi veniva raggiunto da insulti e provocazioni da parte di alcuni sostenitori locali che erano entrati sul terreno di gioco; in reazione a tali comportamenti si scagliava contro un giovane tifoso locale e dopo averlo colpito e mandato con un calcio per terra lo colpiva nuovamente con due pugni, dirigendosi poi di corsa verso gli spogliatoi».

Nel frattempo  il difensore di Lerda, l’avv. Sticchi Damiani, ha tenuto a precisare che cercherà di fare di tutto affinchè questa squalifica venga ridotta.

Ma per il Lecce ancora non è finita: Diniz dovrà scontare due giornate mentre mentre dovranno scontare una giornata Bogliacino, Beretta, Abruzzese, Caglioni, Lopez e Martinez.

Inoltre, la società giallorossa è stata sanzionata con un’ammenda dell’importo pari a 2.000 euro (fumogeni, petardi e danneggiamenti del settore ospiti); 15.000 euro di multa, invece, per il Frosinone (petardi, fumogeni, invasione di campo con sospensione di 6’ del match nel secondo tempo supplementare, atteggiamento provocatorio nei confronti dei tifosi ospiti e presenza sul terreno di gioco di persone non identificate ma riconducibili alla società di casa che assumevano un atteggiamento provocatorio nei confronti dei tesserati avversari).

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*