Festa della Repubblica, Perrotta: “2 giugno, festa dei cittadini”

LECCE-Le celebrazioni per la festa della Repubblica hanno un alto valore simbolico, come specifica il comunicato della Prefettura: ecco perché si svolgono davanti al Monumento dei Caduti. Il 2 e il 3 giugno del 1946 si tenne un referendum istituzionale a suffragio universale per chiedere al popolo italiano di scegliere tra monarchia e Repubblica. Dopo 85 anni di regno, con 12.718.641 voti contro 10.718.502 l’Italia diventava repubblica e i monarchi di casa Savoia vennero esiliati. Istituzioni, militari e civili, cittadini, associazioni e politici si sono ritrovati in Piazza Italia per rendere onore ai caduti, per la consegna delle onorificenze al merito della Repubblica e per le medaglie d’onore ai cittadini, militari e civili, deportati e internati nei lager nazisti.

Un giorno importante, che il prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta, ha voluto celebrare leggendo il messaggio di Napolitano e ringraziando i cittadini che con il loro esempio si sono distinti e hanno contribuito al progresso del paese. In un periodo difficile e di grande crisi le celebrazioni sono state sobrie ed essenziali: ad accompagnare tutti i momenti della manifestazione la banda dell’associazione musicale Concerto bandistico Antonio Raìno di Veglie. 

Gli interventi delle istituzioni sono stati incentrati sulla necessità di ridare speranza e fiducia nel futuro, senza dimenticare mai il sacrificio di chi ha dato la vita per la libertà e la democrazia, puntando sul lavoro e sulla necessità delle riforme, in linea con il discorso di Giorgio Napolitano.

 

festa2giugno

2giugno6

2giugno5

2giugno4

2giugno3

2giugno2

2giugno

Foto Stefano De Tommasi

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*