Scoperto deposito di oggetti rubati: 4 denunce

MANDURIA- Dopo diversi giorni di osservazione, appostamenti e pedinamenti, i Carabinieri del Comando Stazione di Manduria hanno scoperto dapprima un deposito di oggetti verosimilmente rubati, nonché nella tarda mattinata di ieri hanno colto sul fatto e denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto per ricettazione, furto e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso, quattro soggetti: un trentatreenne ed un ventiquattrenne pregiudicati di Manduria, un ventottenne pregiudicato ed un minorenne incensurato entrambi di Avetrana.
Il deposito di fortuna, situato nella località balneare “Specchiarica” del Comune di Manduria, consisteva in un’abitazione estiva in stato di abbandono. All’interno della medesima i malfattori avevano nel tempo occultato i diversi oggetti, verosimilmente, di provenienza furtiva, consistenti in: attrezzature agricole, utensileria varia, materiale elettrico, materiale idraulico, materiale audiovisivo ed elettrodomestici, per un valore commerciale stimato pari a circa 10.000,00 euro.

Un vero e proprio centro di raccolta, ove è stata rinvenuta anche merce ancora imballata, come un frigorifero di marca Samsung, trovato in prossimità dell’uscio, pronto per essere piazzato.

I militari di Manduria, dopo aver notato un 24enne, pregiudicato, aggirarsi nei pressi del deposito, hanno deciso di effettuare una serie di servizi finalizzati all’individuazione di eventuali complici, che non hanno tardato a dare i loro frutti, infatti, nella tarda mattinata di ieri, gli uomini della Stazione Carabinieri di Manduria sono intervenuti e hanno bloccato, quattro soggetti, che giunti nei pressi del deposito stavano scaricando, dall’auto sulla quale viaggiavano, diversi oggetti di origine furtiva.

Durante le operazioni i militari hanno accertato che l’abitazione era stata dotata di impianto elettrico artigianale collegato abusivamente con la linea pubblica e nel medesimo contesto, all’interno dell’auto di proprietà dei predetti, abilmente occultati, hanno rinvenuto diversi arnesi atti allo scasso.

Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro, in attesa della restituzione ai legittimi proprietari.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*