Sport

Lecce, Miccoli c’è

LECCE- Fabrizio Miccoli c’è. Il capitano del Lecce ha smaltito l’influenza che lo aveva costretto a saltare gli ultimi due allenamenti. L’attaccante giallorosso è tra i convocati (complessivamente 21, ci sono tre portieri), ma sul suo impiego si deciderà a poche ore dal match contro il Pontedera, quarto di finale play off ad eliminazione diretta. 
Proprio Miccoli il 16 marzo scorso al Via del mare firmò una tripletta con la quale il Lecce superò la formazione toscana.  Per la squadra – ha detto Lerda – è stata una vigilia vissuta serenamente in cui si è cercato di raggiungere quella concentrazione necessaria per affrontare queste partite.  Se il tecnico giallorosso dovesse decidere di non schierare dall’inizio Miccoli in campo dovrebbe andare dal primo minuto Bogliacino. Nell’undici di partenza potrebbe esserci spazio solo per uno tra Beretta e Zigoni, con Ferreira Pinto sin dal fischio di avvio. Sarà assente lo squalificato Papini, il cui posto dovrebbe essere preso da Salvi.

Il Lecce si potrebbe schierare con Caglioni in porta; Diniz, Martinez, Abruzzese e Lopez in difesa; , Amodio e Salvi a centrocampo; Ferreira Pinto, Bogliacino e Doumbia alle spalle di uno tra Zigoni e Beretta.

Le due squadre hanno concluso la stagione con 12 punti di differenza. Per la squadra di Indiani, una delle due matricole insieme a L’Aquila, è stato centrato un obbiettivo forse insperato ad inizio campionato.
Attesa piuttosto tiepida per Lecce -Pontedera, almeno stando alla prevendita. La società invita a munirsi in anticipo del biglietto per evitare lunghe code ai varchi di ingresso.
Arbitrerà la partita Dei Giudici della sezione di Latina. Fischio d’inizio alle 16.

 

Articoli correlati

Brindisi-Taranto, dopo 20 anni riecco il derby del Salento

Redazione

Rapito Obodo in Nigeria

Redazione

Lecce, avanti senza Surraco

Redazione

Calcioscomesse, nessuna penalizzazione per il Lecce né squalifica per Benassi

Redazione

Chi è Marco Olivieri, l’atteso rinforzo per l’attacco del Lecce

Redazione

Liverani: “I rinforzi? Forti”. La verità su Strambelli, Tabanelli, Chiaretti e Pacilli

Redazione