Shock a San Vito, bimbo di 7 anni muore schiacciato dal cancello

SAN VITO DEI NORMANNI – Tragedia domestica a S. Vito dei Normanni: un bimbo di sette anni è morto schiacciato dal cancello di casa. È successo in contrada Ospedale. I genitori lo hanno portato al pronto soccorso, ma per il piccolo non c’era più nulla da fare. 

È accaduto alle 18,30. Stando ad una prima ricostruzione dell’accaduto, così come raccontato ai carabinieri, il piccolo Christian stava giocando nel giardino di casa, una villetta nelle campagne del paese quando la pesante struttura di ferro gli è caduta addosso. Forse il cancello non era ancora stato montato, in casa infatti sono in corso dei lavori.

La villetta è sperduta nelle campagne e, quando i genitori si sono accorti di quello che era successo, hanno chiamato i soccorsi ma i mezzi dei carabinieri e le autoambulanze del 118 non sono mai arrivati. Militari e sanitari non riuscivano a trovare la casa. I genitori sono allora partiti in auto a tutta velocità per portare il piccolo al pronto soccorso. I medici, però, non hanno potuto far niente.

Il corpicino era già senza vita. Il pm Milto De Nozza ha disposto che la salma resti a disposizione in attesa dell’esito dei primi accertamenti che stanno conducendo i carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni. Il corpo del bambino è stato trasferito all’obitorio dell’ospedale del capoluogo.

Dalle prime notizie, sembra che il cancello non fosse in opera perchè c’erano lavori in corso, e si sta accertando se vi si stesse dedicando una ditta oppure qualcuno della famiglia. Mentre il bambino giocava, la pesante struttura gli è caduta addosso provocandogli lesioni gravissime. Rendendosi conto che c’era pochissimo tempo a disposizione, i genitori hanno deciso di tentare il trasporto in auto in ospedale piuttosto che attendere l’arrivo dell’equipe del 118.

Per accertare compiutamente i fatti, tuttavia, i carabinieri dovranno parlare prima con i genitori della giovanissima vittima, che si trovano tutti all’obitorio del Perrino.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*