Corruzione, l’accusa chiede 12 anni per il pm Di Giorgio

doc cantina salice

CASTELLANETA- Dodici anni e mezzo di reclusione e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici sono stati chiesti ai giudici del tribunale di Potenza dal sostituto procuratore della Repubblica Laura Triassi nei confronti dell’ex pubblico ministero della procura di Taranto Matteo Di Giorgio. Il magistrato, che è di Castellaneta, è accusato di concussione e corruzione in atti giudiziari. L’inchiesta è stata condotta dalla procura di Potenza perché competente in relazione ai procedimenti penali che vedono indagati magistrati del Tribunale di Taranto.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*