Amministrative Copertino, ancora polemiche nel centrosinistra. Rosafio pensa a un ritorno alle origini

COPERTINO- A Copertino il Pd cerca di tenere sotto controllo la situazione: ci sono 5 dirigenti molto critici. Il segretario provinciale li incontra per spiegare che  quello che si è fatto era l’unica via di uscita per i democratici. “Quello che stiamo facendo a Copertino è un laboratorio politico unico in Puglia- spiega Piconese –  perché il nuovo centrodestra altrove va con Forza Italia o in modo autonomo”.

Si tratta, in effetti di un  esperimento che potrebbe essere riproposto, qualora i rapporti tra Forza Italia e Nuovo centrodestra dovessero deteriorarsi fino alle regionali. Emiliano non  aspetta altro. Però,  le polemiche nella sinistra divisa copertinese non si arrestano. La candidata di Sel, Sandrina Schito, accusa i democratici di combattere contro la sinistra anziché contro forzisti e centrodestra.

“I dirigenti provinciali si accorgono solo oggi di un malessere all’interno del PD cittadino che ha determinato non solo le dimissioni del segretario Maurizio Vetrugno e la fuoriuscita di numerosi tesserati e dirigenti ma anche la perdita di radicamento sul territorio tale da rendere necessaria I’ alleanza innaturale con la destra, al fine di sperare di poter  giungere al ballottaggio”- tuona la candidata di Sel.

Piconese risponde che Sandrina Schito era stata invitata a partecipare alle primarie dove ha stravinto Anna Inguscio, ma che si è rifiutata di misurarsi sul consenso. A infastidire il segretario provinciale anche l’uscita di Uccella, che torna a chiedere unità alla sinistra copertinese, proprio quando è impossibile tornare indietro. Più distesa la situazione nel centrodestra, dopo la rottura con gli alfaniani: Rosafio ha fatto un passo indietro, dando il suo addio agli ex alleati,  e Pierluigi Pando è riuscito a chiudere un accordo con il Movimento Regione Salento.

Il sindaco uscente, però, potrebbe tornare a sinistra, perché era la sua area culturale e politica prima che chiudesse un accordo con Fitto 5 anni fa: in queste ore sta riflettendo .  Vincenzo De Giorgi, ex Idv, invece, con le sue liste e il Movimento Onda D’Urto è riuscito a guadagnarsi l’attenzione di una parte della destra con l’alleanza dei Fratelli d’Italia. Desta molta curiosità la candidatura di Alessandro Trono con il Movimento 5 Stelle: nei comuni gli attivisti sono sempre un’incognita. Copertino è il centro più importante dei 29 comuni leccesi al voto, perché supera la soglia dei 15 mila abitanti, attualmente sono oltre 24 mila.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*