Ex ambasciatore difeso dai colleghi: “Fraintesa la sua sensibilità verso i bambini”

TARANTO- Rischia 20 anni di reclusione e una multa di almeno un milione di pesos, 16mila euro circa, Daniele Bosio, ex ambasciatore italiano in Turkmenistan, arrestato dalla polizia di Manila, nelle Filippine, con l’accusa di traffico di minori, in violazione della legge legge speciale delle Filippine per la tutela dei minori, del 1972, secondo cui è vietato farsi trovare in compagnia di bambini sotto i 12 anni senza legami familiari o di altra natura giuridica.

L’accusa dovrà ora essere valutata da un procuratore, che deciderà se presentare un capo di imputazione formale contro Bosio, 46 anni, dopo la convalida del fermo. Tra le altre accuse mosse nei confronti del diplomatico tarantino , accuse ancora da provare, quella di aver fatto regali ai tre bambini per guadagnare la loro fiducia, per poi approfittarne. Queste però sono solo ipotesi da verificare.

Colleghi, conoscenti e familiari difendono intanto il tarantino attraverso le proprie testimonianze. “Si travestiva da clown per intrattenere i bambini – ha raccontato un collega dell’ex ambasciatore – Sono sicuro che si tratti soltanto di un grande equivoco, qualcuno deve aver scambiato la sensibilità e la fragilità di Daniele per qualcosa che invece non può essere”.

L’ indagato stesso fin da subito ha parlato di malinteso e si è difeso, ricordando alla Farnesina come in passato avesse svolto attività presso alcune organizzazioni di assistenza all’infanzia a New York e non solo. Fatto sta che la sua attenzione particolare per i bambini non ha convinto l’attivista australiano che lo ha denunciato. Catherine Elizabeth Scerri, 36enne, vicedirettore della Bahay Tuluyan Foundation, organizzazione che si occupa di tutela dell’infanzia, e testimone chiave dell’inchiesta. Secondo la donna Bosio è stato notato in atteggiamenti equivoci con i 3 bambini nella piscina del resort in cui soggiornava per la sua villeggiatura.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*