Confindustria Lecce: polemiche tra soci, tensioni e dimissioni

randstad 1

LECCE- Polemiche e scontri intestini in Confindustria Lecce: con l’avvicinarsi delle elezioni per il nuovo presidente scoppiano le tensioni tra i soci.

A far scoppiare le beghe tra soci una sua società di gestione di alcuni servizi e di comunicazione, iternazionalizzazione, segretariato, consulenze varie, in piedi da qualche mese:  la lamentela di alcuni iscritti consulenti è che la Confindustria faccia in questo modo concorrenza sleale ai suoi stessi componenti che esercitano quelle stesse attività.

Tra le altre cose,  è scoppiata una polemica aperta anche tra i vertici e due saggi che erano stati incaricati di sondare la base di Confindustria per l’elezione del presidente e che si sono resi indisponibili, in violazione dello statuto.

Secondo le indiscrezioni trapelate sarebbero  Carlo Macculli e Oronzo Sticchi: i due sono in lite con il presidente, Leone De Castris. A settembre ci saranno le elezioni: l’atmosfera si infiamma.

Ci sono polemiche e prese di posizione forti e anche soci che hanno rassegnato le dimissioni dalle cariche ricoperte: Schito e Grazia Manni. Leone De Castris ha spiegato che si tratta di una dialettica interna che è sicuro che tutto si risolverà col dialogo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*