Ilva: dopo Schulz, Peacelink si prepara a incontrare Potočnik

TARANTO- Bonifiche, monitoraggi e leggi salva Ilva. Questi i temi dell’incontro che ha portato nuovamente il caso Taranto a Bruxelles. Incontro pomeridiano tra Antonia Battaglia, in rappresentanza di PeaceLink, ed il Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, al quale è stato consegnato un dossier aggiornato sull’ILVA. Nel colloquio con il Presidente Schulz si è parlato della situazione attuale di Taranto, del come si sia potuti arrivare allo stato in cui versa la città, dell’ultima legge e del piano ambientale non ancora pubblicato ufficialmente.
“Abbiamo toccato la questione cruciale delle bonifiche e di come operare per garantire l’occupazione dei lavoratori ILVA”, ha detto l’ambientalista.  Il colloquio poi ha toccato il tema del monitoraggio ambientale, con i 30 quesiti presentati in mattinata da Alessandro Marescotti circa gli esami di Arpa e Asl.

“Taranto- ha spiegato la Battaglia a Schulz – è un caso grave e urgente, per il quale occorre un’accelerazione della procedura di infrazione europea. Molte le domande di Schultz poi sul rapporto fra politica e cittadini per capire come in Italia vengono affrontate questioni così gravi. Grande disponibilità insomma dall’Unione Europea verso Taranto. E prosegue la collaborazione fra PeaceLink ed il Presidente del Parlamento Europeo , allo scopo di assicurare – conclude l’ambientalista- un percorso serio ed efficace, in linea con le decisioni della Commissione Europea”.

Prossima tappa, il 10 aprile quando una delegazione di PeaceLink si recherà nuovamente a Bruxelles per incontrare il Commissario Europeo all’ambiente Potočnik a cui chiederà di accelerare la procedura di infrazione.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*