Discarica e Cdr, il Tar: “Ristoro ambientale anche per San Donato e San Cesario”

CAVALLINO- Non solo Cavallino. Anche i Comuni di San Cesario e San Donato potrebbero avere diritto al ristoro ambientale derivante dalla presenza dell’impianto di biostabilizzazione con annessa discarica di servizio e soccorso, e dell’impianto di produzione di CDR. Lo ha stabilito il Tar di Lecce, accogliendo il ricorso proposto dal Comune di San Donato, cui si è unito San Cesario, contro i consorzi ATO LE/1, Ato LE/2, ATO LE/3, che non si erano pronunciati sulle richieste di determinare il contributo socio-ambientale spettante, contributo che lo stesso Tar aveva riconosciuto a Cavallino e solo a Cavallino, poiché sede degli impianti.

Ora il passo indietro e la revoca di quegli stessi provvedimenti da parte dei giudici di via Rubichi. Il contributo va ripartito tra i tre Comuni, se si riesce a dimostrare che il centro abitato di San Donato e San Cesario è posto a distanza inferiore a quella tra le singole fonti di inquinamento e il centro di Cavallino. La logica è che anche le comunità vicine possono subire un pregiudizio, come è stato più volte sottolineato dai sindaci Andrea Romano ed Ezio Conte. 

Sono le distanze, dunque, che dovranno essere verificate, compito affidato ai consulenti tecnici nominati dal Tar, Alfredo Rampino e Giuseppe Pezzuto, cui spetterà determinare anche il ristoro ambientale. È su questo che arriva la sferzata dai giudici amministrativi: “Il Collegio- è scritto- ritiene di dover ribadire il proprio avviso”: “All’indicazione della voce “ristoro ambientale” nell’offerta non corrisponda alcuna reale determinazione del costo relativo”, non calcolato, dunque, al momento dell’aggiudicazione al gruppo Cogeam.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*