Cronaca

Punture accidentali, prevenzione e rischi. Un corso per medici e infermieri

LECCE- Si è parlato dell’ “Attualità nella Sicurezza della Terapia Iniettiva in Ambiente Ospedaliero” nel Corso ECM -educazione continua in medicina- organizzato dal dott. Carlo Siciliano, nelle aule del Polo Didattico dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, nel Padiglione Oncologico.
Le punture accidentali (NSI, Needle Stick Injury) rappresentano uno dei rischi professionali più frequenti per infermieri, addetti ai prelievi di sangue, medici ed altri operatori sanitari.

Tali punture sono possibili veicoli di trasmissione di almeno 30 agenti patogeni contenuti nel sangue e potenzialmente letali inclusi quelli dell‘ epatite B, dell’epatite C  e dell’ HIV.

Nella maggior parte dei casi le strutture ospedaliere dispongono di un documento scritto riguardante le politiche per la prevenzione delle NSI; tuttavia, non sempre gli operatori sanitari sono necessariamente a conoscenza di tali politiche. Da qui, il corso, organizzato ad hoc per il personale medico e infermieristico leccese.

Articoli correlati

Gallipoli, una maxi rissa tra giovani culmina in accoltellamento: feriti due ventenni

Redazione

Colpito dal tronco di un albero muore un operaio dell’Arif mentre spegne un rogo

Redazione

Schianto fatale, muore una donna di 80 anni

Redazione

Malore in piscina, 13enne muore dopo 8 giorni di coma

Redazione

Uragano ai Caraibi, morto un operaio salentino

Isabel Tramacere

Salvataggio in extremis a Nardò. La richiesta: “Serve primo intervento h24”

Paolo Franza