Crolla una palazzina, nessun ferito. Quattro persone si salvano in extremis

randstad 1

GINOSA- Prima il fortissimo boato, poi il silenzio dei pochi passanti ammutoliti dalla paura e, dopo, le sirene delle gazzelle dei carabinieri. Tragedia sfiorata a Ginosa per il crollo di una palazzina di 2 piani, in via Matrice. Quattro le persone scampate al peggio. Erano all’interno della struttura, ma sono riuscite ed evacuare poco prima del crollo, avvenuto intorno alle 14.  “Quella strada, via Matrice, – raccontano i cittadini – è chiusa da tempo. E l’abitazione crollata era disabitata, proprio perché pericolante”.  Era una casa disabitata, è vero. ma solo ufficialmente. la palazzina infatti era stata occupata da 4 cittadini , a  quanto pare rumeni. Per loro, quelle mura erano un rifugio, e proprio poco prima del crollo si trovavano lì, perché erano tornati a prendere delle cose lasciate in passato. Poi, un rumore, uno scricchiolio ed immediata è stata la fuga.

Solo pochi istanti, ed i 4 rumeni hanno visto l’edificio implodere e trasformarsi in un ammasso di pietre.  Via Matrice fiancheggia la  gravina di Ginosa.  E’ una zona storica, da tempo sotto osservazione e interdetta al traffico.

A provocare il crollo, a quanto pare, l’esplosione di una conduttura dell’acqua. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Ginosa che indagheranno per accertare eventuali responsabilità. Con loro, i vigili del fuoco, che hanno verificato l’agibilità delle palazzine circostanti e messo in sicurezza la zona. Sono giunti sul posto, infine, i tecnici del comune insieme con il sindaco di Ginosa Vito de Palma.

crollo ginosa copy

crollo ginosa 2 copy

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*