CronacaPolitica

La Regione vara il nuovo piano paesaggistico, più a misura di territorio

BARI- Mai più strade che, come tubi, si impossessano del territorio senza criterio; mai più insediamenti industriali che nascono come cattedrali nel deserto. Tutto deve essere fatto amalgamandosi con il paesaggio che lo circonda, migliorandolo e non certo deturpandolo. Perché anche una strada deve essere un bel biglietto da visita per i turisti. Punta a questo il nuovo piano paesaggistico della Regione, approvato dalla giunta regionale, e presentato dal presidente Vendola e dalla sua vice Angela Barbanente.

“Dopo 16 anni di miraggi e di imbrogli, senza un piano di assetto idrogeologico, l’urbanizzazione è stata selvaggia ” ha detto Vendola. “Il tutto, ha incalzato la Barbanente, con un sistema di vincoli basato sulle carte degli anni 50”. Ora, dunque, il nuovo piano condiviso con i territori e adeguato al Codice dei Beni Culturali, sarà lo strumento di certezza e trasparenza, come lo hanno definito dall’esecutivo, al quale tutti si dovranno adeguare per far si che la tutela del paesaggio sia incentivata da una burocrazia moderna ed efficace.

Articoli correlati

Brindisi, Fratelli d’Italia resta in maggioranza

Mimmo Consales

Brindisi, rapina ad ufficio postale del rione Commenda. Esploso un colpo in aria

Mimmo Consales

Inseguito dai carabinieri, si schianta contro un’auto: arrestato 31enne

Redazione

Più Vigili Del Fuoco in Salento: 6 nuove squadre per far fronte alla crisi

Redazione

Percepivano il Reddito di Cittadinanza senza averne diritto: denunciati in tre dalle Fiamme Gialle

Redazione

Rapina in pieno giorno a Tuglie nello studio di un commercialista

Redazione