Cronaca

Udienza per Carmela, il papà: “Per i colpevoli il massimo della pena”

TARANTO   –   E’ il papà della piccola Carmela Cirella che parla ed è il massimo della pena che chiede per i colpevoli della tragedia che nel 2007 ha sconvolto la sua famiglia. La tragedia di una ragazzina di appena 13 anni, sua figlia Carmela, vittima di violenza sessuale e che per questo si è poi tolta al vita, lanciandosi dal balcone della sua abitazione al quartiere Salinella.

Oggi la penultima importante udienza del processo contro i tre stupratori, adesso maggiorenni, di Carmela a sostenere la causa anche il Movimento Femminista Proletario Rivoluzionario – che è stato sempre presente ad ogni udienza – e questa mattina in presidio davanti al Tribunale con interventi, pannelli, e striscioni.

Nell’occasione il Movimento annuncia la mobilitazione nazionale contro i femminicidi e gli stupri contro le donne che vi sarà il 6 luglio a Roma. Non sono molte però le persone a fermarsi. E su questo, il papà di Carmela spende parole pesanti confrontando il caso alla vicenda Scazzi.

Articoli correlati

Brindisi, rapina ad ufficio postale del rione Commenda. Esploso un colpo in aria

Mimmo Consales

Inseguito dai carabinieri, si schianta contro un’auto: arrestato 31enne

Redazione

Più Vigili Del Fuoco in Salento: 6 nuove squadre per far fronte alla crisi

Redazione

Percepivano il Reddito di Cittadinanza senza averne diritto: denunciati in tre dalle Fiamme Gialle

Redazione

Rapina in pieno giorno a Tuglie nello studio di un commercialista

Redazione

Tragico scontro in autostrada, muoiono il fratello e la cognata del prefetto di Foggia

Redazione