Cronaca

Rigettata l’istanza di libertà per i Riva e Capogrosso

TARANTO   –   Il gip del Tribunale di Taranto, Patrizia Todisco, ha rigettato le istanze di rimessione in libertà avanzate una settimana fa dai legali di Emilio Riva, del figlio Nicola e dell’ex dirigente dello stabilimento Ilva di Taranto Luigi Capogrosso.

Tutti e tre sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale nell’ambito dell’inchiesta sull’inquinamento atmosferico provocato dal siderurgico.

I due Riva e Capogrosso sono agli arresti dal 26 luglio 2012 e attualmente ai domiciliari.  

La chiusura degli impianti dell’Ilva viene chiesta da un gruppo di cittadini vicino alle posizioni del movimento ambientalista ‘Donne per Taranto’ in una lettera inviata al premier Letta, ai ministri dell’Ambiente Orlando, dello Sviluppo economico Zanonato e al presidente della Regione Puglia, Vendola.  

Articoli correlati

Noemi, allestita la Camera ardente

Redazione

Sangue a Brindisi, gambizzato ex contrabbandiere

Redazione

Fugge dai domiciliari con la droga in casa, arrestato

Redazione

Contratti di convivenza, uguali diritti per tutte le coppie di fatto

Redazione

Marijuana in casa: arrestato anche un minore nel Brindisino

Redazione

Muore dopo l’incidente: indagati 4 medici del Ss. Annunziata

Redazione