Sigilli al depuratore Gennarini, Matacchiera: “Problema mai risolto”

TARANTO – Quella del depuratore  Gennarini è una vicenda vecchia 12 anni. È dal 2001 infatti che si susseguono denunce, raccolte firme, esposti e video shock diffusi dall’ambientalista Fabio Matacchiera presidente del Fondo Antidiossina onlus. 

E, ieri, è giunta la notizia del sequestro dell’impianto comunale di depurazione da parte del Nucleo Difesa Mare della Capitaneria di porto di Taranto per presunti episodi di inquinamento marino. È stato accertato lo stato di degrado ed abbandono in cui versavano tutte le strutture, con assenza di una minima attività di manutenzione e con il conseguente malfunzionamento dello stesso impianto, che non è più in grado di assolvere alla funzione alla quale è preposto. Appresa la notizia è intervenuto con una nota il Movimento Politico Condemi.

“Hanno trovato finalmente conferma – sostengono l’avv. Filippo Condemi e il consigliere comunale Aldo Renna le nostre ripetute sollecitazioni inoltrate negli anni all’Amministrazione comunale e al sindaco Stefàno in particolare, circa il cattivo funzionamento dell’impianto e della condotta sottomarina, con lo sversamento in mare di liquami non trattati adeguatamente”.

Eppure ha ricordato l’ambietalista Mataccheira, che di fatto è stato il primo a denunciare lo sversamento in Mar Grande constatando e  documentando la rottura dei condotti del depuratore in ben 40 punti, all’epoca nei fondali che furono proprio i politici dell’epoca ed in particolare Condemi, a sminuire i dati scioccanti raccolti, spiegando che si trattava solo di piccole rotture e facilmente aggiustabili. Sono trascorsi, intanto, 12 anni.

E ad oggi, le ipotesi di reato contestate e che hanno fatto scattare il sequsetro vanno dall’interruzione di pubblico servizio al danneggiamento aggravato di bene pubblico con scarico a mare di cose pericolose, oltre alla limitazione dell’uso pubblico del Demanio marittimo, ipotesi contemplata dal Codice della navigazione. Le opere sequestrate sono state affidate in custodia al Comune di Taranto.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*