Cronaca

Il Sindaco di Nardò: “Siamo dalla parte degli sfruttati”

NARDO’ (LE)  –   E sulla vicenda interviene il Sindaco di Nardò Marcello Risi: “Stimiamo e apprezziamo la professionalità e il coraggio civile del giornalista che scrive, Roberto Saviano, ma egli nella nota riporta in maniera rozza e scorretta la decisione dell’Amministrazione comunale.

Il Comune di Nardò non si è costituito parte civile perché, dopo una attenta valutazione, ha ritenuto più convincenti le argomentazioni del Tribunale del Riesame di Lecce che ha escluso i reati più gravi (riduzione in schiavitù).

Quanto al reato di caporalato  – continua Risi – come lo stesso Saviano riferisce, è stato inserito nel Codice Penale nell’estate 2011. I fatti oggetto del processo sono precedenti.

La nostra Costituzione impedisce di perseguire penalmente un cittadino per un reato che non esisteva quando il fatto è stato commesso.

Perché deve lasciare interdetti la condivisione di un provvedimento di tre Ggiudici del Tribunale e il rispetto di un principio della Costituzione?

Venendo alla piaga dello sfruttamento del lavoro degli extracomunitari in agricoltura, il Comune di Nardò è senza esitazioni dalla parte degli sfruttati. Chiede, tuttavia, che si riferiscano correttamente le scelte assunte”.

Articoli correlati

Lecce, a fuoco i mobili nel porticato. Evacuate due palazzine

Sergio Costa

Gallipoli, a fuoco la collina di San Mauro. Paura anche in spiaggia

Mario Vecchio

Furti nei bar, in casa e per strada: arrestato ladro seriale

Redazione

Molestie sessuali: nella trappola del viceprocuratore anche donne incinta e infermiere

Erica Fiore

Nei brogliacci dell’inchiesta “insulti omofobi nei miei confronti”: il giudice Errede denuncia gli inquirenti

Redazione

Presicce-Acquarica: gatto morto davanti allo studio del sindaco

Redazione