Cronaca

Inquinamento Cerano, Legambiente elogia la magistratura

BRINDISI – In merito alla richiesta di citazione in giudizio a carico di 15 dirigenti della centrale termoelettrica Enel di Cerano per “inquinamento ambientale dovuto a dispersione di carbone sull’area contermine al nastro trasportatore ed alla centrale stessa”, Legambiente esprime grande soddisfazione per l’operato della magistratura.

Gli imputati sono accusati della dispersione di polveri di carbone che avrebbe provocato danni agli agricoltori di terreni vicini all’impianto industriale.

Nei loro confronti emesso un decreto di citazione a giudizio, firmato il 31 luglio scorso dal Pm brindisino Giuseppe De Nozza, la prima udienza del processo è prevista per il 12 dicembre prossimo, dinanzi al Giudice monocratico del Tribunale di Brindisi.

“Sono anni – dicono i dirigenti dell’associazione – che ci occupiamo del problema, denunciando i danni che l’inquinamento  derivante dalla dispersione del carbone ha arrecato ai terreni agricoli. Chiediamo ora che giustizia sia fatta e che vengano pienamente accertate le responsabilità”.

Articoli correlati

Polizia Penitenziaria, ma quale festa? Gli agenti con il lutto al braccio

Redazione

Vandali recidivi nel presepe di San Pio, scatta la denuncia: arriveranno le telecamere

Redazione

Salva bimbo di due anni dal soffocamento, l’eroe è un finanziere di Taviano

Redazione

Imbocca la rotatoria contromano e viene investita, ciclista in ospedale

Redazione

Lavoro a nero, nasce Task Force per contrastare il fenomeno

Redazione

In fuga con monili d’oro: badante bloccata a Brindisi e arrestata

Redazione