Caos scuole, Pagliaro: Emiliano getta nello sconforto bambini e famiglie

PUGLIA- Nota del consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo La Puglia Domani: “Quello che sta accadendo è incredibile. Dopo che il Tar di Bari ha accolto il decreto cautelare sospendendo l’ordinanza di Emiliano e riaprendo le scuole, il presidente della Regione Puglia ha rilanciato come fosse un gioco, dal suo profilo facebook, annunciando una nuova ordinanza. Una prova di muscoli, solo per ribadire a tutti che comanda lui. Comportamento inconcepibile.
Tutto questo getta nello sconforto le famiglie e i ragazzi che, a poche ore dal suono della campanella, ancora non hanno certezza di quello che dovranno fare e vivono ormai spaesati. Non solo per colpa del Covid ma anche di queste deprimenti scenette di cui sono involontari protagonisti.
Il presidente Emiliano ha dimostrato ancora una volta di decidere a metà, perché se da un lato i giudici ritengono il suo precedente provvedimento illogico perché adottato in zona gialla, lui fa sapere che rimuoverà il limite del 50% in presenza e reintrodurrà il diritto alla scelta della didattica integrata a distanza, scaricando così ancora una volta la croce della decisione sulle famiglie e mettendo in difficoltà presidi e docenti.
In questo modo si calpesta ancora una volta il diritto allo studio, perché con gli strumenti tecnologici a disposizione la qualità della didattica a distanza diventa mediocre.
In tutta Italia già si registrano i danni gravi subìti dai bambini che hanno dovuto fare i conti con un mondo nuovo: a causa del lockdown sono aumentati i disturbi di ansia e panico. Ma Emiliano sembra non voler capire che servono certezze e non decisioni a singhiozzo.
La verità è che ancora una volta dimostra la sua inadeguatezza, visto che ancora non c’è nulla di certo sul programma vaccinale per il personale docente. In Puglia continua a regnare il caos ed i nostri bambini e ragazzi ne pagano il prezzo più grande. Emiliano ponga fine a questo tira e molla”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*