Dl covid: stop spostamenti tra regioni fino al 27 marzo, nelle case si va due per volta

PUGLIA- Complice il rialzo dell’RT nazionale, con le nuove varianti che fanno tremare, il provvedimento era nell’aria da giorni. E nelle scorse ore al primo decreto Legge, firmato Mario Draghi, è stato dato il via libera dal Consiglio dei Ministri.

Stando a quanto si apprende da fonti governative, confermato e prorogato fino al 27 marzo lo stop agli spostamenti tra regioni. A questo, in zona rossa, si aggiunge il divieto di spostamento anche verso abitazioni private. La possibilità di andare a trovare amici o parenti è confermata, invece, in zona gialla. Le regole sono le stesse del periodo natalizio: ci si può spostare verso un’altra abitazione privata solo una volta al giorno, tra le 5 e le 22, in massimo due persone (ferma restando la possibilità di portare con sè figli minori di 14 anni o persone non autosufficienti conviventi).

Il nuovo provvedimento scatterà dal 5 marzo, confermando dunque la gran parte delle restrizioni finora in vigore, compreso il coprifuoco, e con qualche novità, a partire dall’organizzazione delle fasce di rischio con possibili lockdown provinciali e possibili riaperture differenziate per le attività, soprattutto per quelle chiuse da tempo.
Sulla riapertura serale dei locali, come bar e ristoranti, il Comitato tecnico-scientifico ha già fatto sapere che «le riaperture rischiano di far salire ulteriormente il numero di contagi, perché favoriscono una maggiore circolazione delle persone», specificando però che «la scelta spetta al decisore politico». Sarà dunque il governo a valutare, entro la fine della settimana, se vi siano zone del Paese dove sia possibile pensare a una riapertura di alcune attività, in base ai dati della curva epidemiologica.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*