19enne muore dopo un intervento: disposta autopsia e indagati due medici

BRINDISI – La procura di Brindisi dispone l’autopsia sul corpo di Andrea Lorenzo Lezzi, 19enne di Lequile, spirato al Perrino di Brindisi dopo un intervento d’urgenza lo scorso 2 gennaio. La famiglia aveva presentato un esposto chiedendo giustizia, per mezzo dei legali dello Studio3A-Valore.

Con l’apertura di un procedimento penale con l’ipotesi di reato di omicidio colposo, la procura brindisina ha adesso iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto, due medici dell’unità operativa complessa di Neurochirurgia del Perrino.

Il giovane, a causa di un’emorragia cerebrale subita da piccolo, era sotto controllo e seguiva una terapia farmacologica, pur conducendo una vita normale.

Dopo una forte emicrania il 27 dicembre scorso e nuovamente il 31 dicembre il ragazzo è stato accompagnato al pronto soccorso: dopo gli accertamenti, in entrambi i casi, è stato dimesso. Il 31 dicembre però la situazione si è aggravata, il ragazzo è stato ricoverato alle 5 del mattino del primo dell’anno e operato d’urgenza. Uscito dalla sala operatoria è entrato in coma per poi morire poco dopo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*