Lunedì di protesta per i medici precari del 118: “Nessuna stabilizzazione”

LECCE – Dopo aver individuato nel sindacato FP-Cgil il proprio portavoce, questo lunedì davanti alla sede della Asl di Lecce i medici precari del servizio SEUS 118 manifesteranno, con un sit-in, il proprio malcontento. L’ufficialità, dopo l’annuncio a inizi dicembre ai nostri microfoni, è arrivata nelle scorse ore. Nella lettera inviata all’azienda sanitaria e alla Regione, il lungo elenco di motivazioni a monte della protesta.

In un contesto regionale in cui si avvia la procedura di internalizzazione e/o stabilizzazione del personale in carico alle associazioni o ditte che hanno in gestione le postazione 118 della nostra ASL – si legge – nessuno menziona la sorte che faranno i Medici precari del 118. Questi ultimi sono sottoposti ad una turnazione massacrante che viola la normativa in vigore. Inoltre, a tale personale non è concesso alcun riconoscimento contrattuale, ferie, permessi studi, malattia, per non parlare degli aspetti pensionistici praticamente inesistenti. Di contro il carico di lavoro risulta massacrante -continuano- grandissime le responsabilità assunte, senza alcun riconoscimento e nessuna tutela”.

La richiesta è quella di “trovare una soluzione contrattuale che superi questo stato di precariato perenne – continuano – altrimenti si corre il rischio di una dimissione di massa, che metterebbe in ginocchio tutto il sistema di emergenza urgenza della nostra ASL,già oggi fortemente compromesso”. La stabilizzazione dei precari del personale medico del 118 era stata annunciata dal Governatore Emiliano in campagna elettorale. Ed è per questo che alla Regione adesso di mantenere quella promessa, caduta ben presto nel dimenticatoio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*