Regionali, “Italia in comune” presenta ricorso: “preferenze non attribuite proporzionalmente”

PUGLIA – “Italia in comune”, lista a sostegno di Michele Emiliano, presenta ricorso al Tar Puglia per l’sito delle regionali di settembre, rivendicando la rappresentanza in consiglio regionale.

L’avvocato Giovanni Pellegrino ha depositato il ricorso, presentato per conto dei candidati consiglieri Rosario Cusmai, Francesco Crudele, Piero Bitetti e Paolo Pellegrino. Viene chiesto l’annullamento dell’attribuzione dei seggi.

“I nostri 67mila voti -dicono- sono senza rappresentanti”, e definiscono “anacronistica” la legge elettorale.

“Le preferenze attribuite al solo presidente non sono state proporzionalmente attribuite alle liste presentate a suo supporto, in rapporto alle preferenze di ognuna”.

“Facciamo notare che non solo le preferenze attribuite al solo presidente non sono state proporzionalmente attribuite alle liste presentate a suo supporto, in rapporto alle preferenze di ognuna, ma c’è altro -scrivono i candidati- Se per assurdo tutte le liste non avessero raggiunto il 4% (mediante l’attuale interpretazione della norma elettorale ) Emiliano siederebbe in consiglio regionale senza rappresentanti delle forze politiche che lo hanno sostenuto e da Presidente della Regione. Riteniamo comunque che la vacatio rappresentativa possa essere anche colmata dalla politica. Ma il silenzio, anzi l’assenza, della coalizione di centrosinistra sia un elemento di riflessione per il futuro, di cui prenderemo atto”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*