Partite Iva in protesta con manifesti funebri: “L’economia muore, il virus resta”

LECCE – “Sono morti i ristoranti, i teatri, le palestre, i circoli ricreativi, i fotografi, gli artigiani, i contribuenti… Sono morti tutti. Ma i privilegi dei politici e le tasse sono sempre vive“. Si legge questo sui manifesti funebri con cui il popolo delle partite Iva ha tappezzato il perimetro della Prefettura, a Lecce. In mattinata è andata in scena su via XXV luglio l’ennesima protesta contro chiusure e restrizioni disposte dall’ultimo Dpcm. (Puoi rivedere la diretta fb di TeleRama cliccando QUI)

Al margine della protesta è stato consegnato al Prefetto Maria Rosa Trio un documento sottoscritto dalle varie associazioni di categoria, federazioni e comitati che pure hanno preso parte alla protesta. Quello che si chiede al Governo è di contestualizzare i provvedimenti, tenendo in considerazioni l’indice di contagio fortemente eterogeneo in tutto il Paese. “Il Salento, con le dovute precauzioni -si legge- potrebbe continuare a lavorare regolarmente. I ristori messi a disposizione dal Governo non sono stati e non saranno sufficienti a far restare in piedi le attività“.

E.Fio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*