Covid, il Report in provincia di Lecce: più 68 casi in una settimana. 23 le persone ricoverate

LECCE- Attualmente in tutta la provincia di Lecce sono 243 i casi positivi al Covid- 19. Venerdì scorso 16 ottobre erano 175.  Un aumento, quindi, in sette giorni, di 68 casi. Ci sono 23 persone ricoverate e sono tutti nell’ospedale di Lecce.

Lo dice il Report redatto dal dott. Fabrizio Quarta, Direttore di Epidemiologia e Statistica dell’Asl di Lecce

Al momento sono i comuni più grossi a registrare il maggior numero di contagi: Lecce con 52; Tricase con 13; Galatina con 12; Nardò con 8. Ma ci sono anche 12 comuni con zero contagi dall’inizio della pandemia ad oggi: sono Alessano, Palmariggi, Seclì, Botrugno, Patù, Surano, Giuggianello, Ruffano, Tiggiano, Morciano di Leuca, San Cassiano, Tuglie.

Tamponi eseguiti in totale comprensivo di quelli ripetuti 73.714

Tamponi negativi 48.720 98 con una percentuale del 98%

Tamponi positivi 1.031 con una percentuale del 2%

Cittadini che hanno contratto il virus all’estero da inizio pandemia:  124

I cittadini che hanno contratto il virus all’estero da inizio pandemia sono 124. In questa tabella si può osservare il trend settimanale dei contagi dal 6 di giugno sino ad oggi.

La curva si mantiene costante sino al 17 luglio, poi comincia a salire sino a raggiungere un picco tra il 15 e il 21 agosto. Si abbassa nuovamente per poi risalire e raggiungere un nuovo picco tra il 3 e il 9 ottobre sino per poi raggiungere il massimo sino ad ora registrato proprio in questa settimana.

la percentuale tra i  sessi è del  52% uomini e del 48% donne.  L”età media è per gli uomini 46 anni , per le donne 51. Il 52% ha un’età compresa tra gli 0 e 35 anni, il 28% tra i 50 e i 69 anni, il 20% tra i 36 e i 49. Questo dimostra  come rispetto all’inizio della pandemia l’età media dei contagiati si sia notevolmente abbassata.

La maggior percentuale dei decessi si registra però per la fascia d’età tra gli 80 e 89 anni ed è del 38%. Al momento sono 23 i ricoveri e sono tutti nell’ospedale di Lecce.

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*