Corini: “Gara equilibrata, ma risultato negativo. Dobbiamo crescere”

Eugenio Corini, 50 anni, allenatore del Lecce
Ottica Salomi

BRESCIA – La doppietta di Ndoj e il gol di Ayè hanno regalato la prima vittoria al Brescia di Diego Lopez e hanno punito oltremisura il Lecce di Eugenio Corini. Il tecnico giallorosso, bresciano doc, analizza così la sconfitta della sua squadra per 3-0 al “Rigamonti”, la prima stagionale in serie B: “La partita, a mio parere, è stata equlibrata, dopo l’1-0 abbiamo anche provato a reagire. Poi, nel secondo tempo siamo -ha spiegato il mister del Lecce- entrati in campo meglio. Sul 2-0, ovviamente, la gara si è complicata. Poco incisivi in zona gol? Abbiamo creato molta mole di gioco, ma forse sulla palla importante o nel gol decisivo qualcosa  ci è mancato”.

RETE ANNULLATA – Il Lecce può recriminare per una “marcatura” non concessa a Biagio Meccariello: “Si tratta di un errore importante, dal campo sembrava valido e non in fuorigioco. Quel gol sarebbe stato molto importante per noi per riprendere la gara con lo spirito giusto. Oggi abbiamo lasciato qualcosa nella fase di non possesso”.

TRE GOL SUBITI – Il tecnico, infine, ha analizzato le reti subite: “Sul primo non ci siamo messi benissimo, il secondo è arrivato da una palla in uscita e il terzo era nel momento del nostro massimo sforzo. Dobbiamo crescere: quello di oggi è stato un risultato negativo, ma che ci farà capire da dove ripartire. Gara emozionante? Brescia è casa mia, è la mia città, è normale che sia così. Ringrazio la mia gente per quello che mi ha dato e questo a prescindere da tutto”, ha concluso Corini ai microfoni di Rai Sport.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*