Prelevato dal Fazzi, scoppia a ridere. I colleghi: “Timido ed educato”. Giorni fa ballava ad una festa

LECCE – Un giovane stagista “molto educato, a modo, silenzioso, introverso” tanto da attirare le carinerie dei veterani dell’ospedale. Questo era Antonio De Marco al Fazzi, questo racconta chi ha lavorato a stretto contatto con lui, salvo poi riscoprirlo come il presunto responsabile di un omicidio efferato, premeditato, pianificato al dettaglio e da tempo.

Il 21enne, si diceva, era uno stagista nel nosocomio leccese ed è lì che in serata è stato prelevato dai carabinieri. Chi ha assistito alla scena racconta: “All’arrivo dei militari è caduto per terra, poi è scoppiato a ridere e ha continuato. In quel momento non abbiamo capito più nulla”.

Soltanto qualche giorno fa, venerdì per l’esattezza, De Marco ha partecipato ad una cena di compleanno con un gruppo di lavoratori dell’ospedale: “ha ballato anche in pista” raccontano, come se nulla fosse. Qualcuno ha persino chiacchierato con lui sull’omicidio, dacché da quel tragico lunedì non si parla d’altro. “Lui – riferiscono – ascoltava la conversazione, ma senza parteciparvi attivamente, quasi non volesse condividere la sua opinione in merito”.

Insospettabile, rispettoso dei ruoli, quasi sempre sulle sue: il fermo del 21enne, che in settimana ha continuato regolarmente a svolgere il tirocinio, lascia incredulo chiunque nei mesi scorsi abbia condiviso con lui anche un semplice caffè alla macchinetta.

ERICA FIORE

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*