L’ultimo saluto ad Eleonora, per lei abito da sposa e rose bianche

SECLI’ – Ha indossato l’ abito da sposa della madre, un abito come quello che ha sognato di indossare per raggiungere in Chiesa il suo Daniele e dirgli “sì” per sempre. Chissà quante volte lo ha immaginato, Eleonora, quel giorno. Sogni spezzati troppo presto, proprio quando sembrava appena iniziato un nuovo straordinario capitolo: una casa da vivere in due, da “riempire” con i primi quadri, come lei stessa mostra in una “storia” sui social, da riempire di momenti e ricordi.

Ed invece, una Piazza San Paolo, gremita ma composta e commossa ha dovuto salutarla per l’ultima volta. Il rito si è celebrato nel suo paese d’origine, Seclì, dove amici e parenti, non sono riusciti a trattenere il dolore. Un dolore troppo grande per una fine atroce e ingiusta . Rose bianche volute dalla mamma, chiusa nel suo dolore inconsolabile 

Don Antonio Bruno l’ha ricordata “innamorata della vita, della sua mamma, di daniele con il quale stava realizzando un cammino d’amore” ed ha avuto anche parole per l’assassino, dal pulpito la richiesta di consegnarsi ala giustizia: “Come hai avuto la forza diaboloca di compiere questa strage – ha detto – puoi trovare la forza di consegnarti. Meglio per te affrontare la giustizia umana piuttosto che , un giorno, quella divina. Ravvediti, consegnati!”

Impossibile dimenticarla per chi l’ha conosciuta, “bella, solare ed intelligente” la descrive così  una delle sue tante amiche.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*