In vacanza sì, ma in posti tranquilli: è il trionfo degli agriturismi

SALENTO – Pernotti più lunghi, fino a 14 giorni, così come crescono del 35% le prenotazioni di pranzi e cene contadini. Questo è indubbiamente l’anno degli agriturismi e a certificarlo, anche qui nel Salento, è l’indagine condotta da Terranostra Puglia, associazione agituristica di Coldiretti.

Complice la preoccupazione per l’aumento dei contagi da Covid, i turisti italiani preferiscono soggiorni lunghi in agriturismo, dove gli ampi spazi, la possibilità di pranzare e cenare all’ombra degli ulivi e o dei filari dei vigneti consentono di trascorrere una vacanza rilassante e in totale sicurezza. Le prenotazioni ad agosto, si diceva, registrano un deciso allungamento della permanenza fino ai 14 giorni consecutivi, per evitare spostamenti e cambi di strutture. L’ampia gamma di servizi offerti fanno aumentare il gradimento, dall’agri-campeggio all’agri-relax, dalla semplicità dell’accoglienza rurale ai pranzi con i prodotti dell’orto, alle passeggiate ritempranti nella natura.

Buone notizie dunque per il tessuto turistico enogastronomico, il traino dell’economia turistica pugliese con i suoi 875 operatori agrituristici.Grandi opportunità anche dalla vendita diretta, con il 40 per cento delle aziende regionali che vendono prodotti propri ed il 20 per cento prodotti biologici.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*