Droga, alcol e rispetto norme anti-Covid: multe e denunce. Presunto stupro, le indagini: falso allarme

GALLIPOLI – A Baia Verde e dintorni le Forze dell’Ordine procedono con controlli eccezionali. Ad incidere le foto denuncia su assembramenti, le risse in strada culminate nella corsa in ospedale per turisti anche minorenni e l’esasperazione dei residenti. Tasselli che, anche quest’anno, riaprono il “caso Gallipoli”, meta gettonatissima, soprattutto dai giovani.

I militari della città bella, dall’ultima settimana di luglio al primo week-emd di agosto, hanno proceduto con una stretta su uso e spaccio di droga, abuso di alcol e mancato rispetto delle regole anti-contagio. Controlli serrati ed estesi su tutto il litorale ionico, da Gallipoli fino a Nardò, Sannicola e Galatone.

Capitolo stupefacenti. Sono 23 i soggetti, anche minori, segnalati alla Prefettura per uso non terapeutico di droga, soprattutto hashish e marijuana, in 4 casi persino cocaina. Sono due, invece, le persone denunciate a piede libero per detenzione ai fini di spaccio: un gallipolino e un matinese.

E ancora: sono sette, solo nell’ultima settimana, le persone denunciate a Gallipoli per furto, non solo a Baia Verde. Per aver rubato un cellulare è stato denunciato un 26enne senegalese. Due giovani di Ercolano, di 29 e 27 anni, sono finiti nei guai per aver rubato due collane in oro dal collo di due turiste in discoteca. In tasca ne avevano altre sei su cui gli accertamenti sono in corso. Il tutto per un valore di circa 4mila euro.

E poi un 35enne di Sannicola è stato denunciato per aver sottratto cavi di rame e attrezzi da una casa in costruzione, un 44enne di Copertino per furto ai danni di un parrucchiere e due donne 44enni per aver rubato monili da un’abitazione di Copertino.

Per quanto riguarda invece i controlli nei lidi sul litorale gallipolino, con l’aiuto dei militari del Nas, NIL e carabinieri forestali di Lecce, ne sono stati controllati due a Baia Verde, multati entrambi.

Per il primo è scattata una multa di 400 euro per il mancato distanziamento dei lettini. Per il secondo una sanzione di 1.600 euro, poiché 4 dipendenti (addetti alla ricezione del pubblico) non indossavano la mascherina e in aggiunta risultavano occupati, in modo abusivo, 300 metri quadrati di spiaggia in più rispetto a quelli concessi. 27 ombrellon i e 54 sdraio, di conseguenza, sono stati sequestrati.

C’è poi un episodio che, nelle ultime ore, ha tenuto impegnati i militari. Una turista 20enne ha denunciato ieri un presunto stupro subito all’esterno di una discoteca di Gallipoli. Visite, accertamenti medici e testimoninanze avrebbero però accertato l’infondatezza di quanto ricostruito confusamente dalla giovane. La ragazza era stata trasportata in ospedale dopo aver perso i sensi, complice l’accertato abuso di alcol. Era stata soccorsa dai suoi stessi amici, uno dei quali avrebbe assistito personalmente allo svenimento mentre era in disparte con lei. Della violenza, o comunque di un rapporto sessuale, come certificato dai medici, non è emerso alcun riscontro clinico.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*