Dopo Xylella gli incendi: a Ugento 600 ulivi distrutti dalle fiamme

UGENTO-In fiamme altri 9 ettari di uliveto a Ugento dove 600 alberi secchi per la Xylella sono andati in fumo, complice il vento che ha alimentato le fiamme.

Coldiretti Puglia denuncia la vastità e la frequenza del fenomeno con 30 incendi al giorno dal 15 giugno ad oggi: una strage che si ripete lasciando paesaggi lunari in Salento dove le fiamme si moltiplicano riducendo gli ulivi colpiti dall’infezione in torce gigantesche, anche a causa dell’abbandono forzato in cui versano campi pieni di sterpaglie e infestanti. “Ai danni incalcolabili all’agricoltura si sommano – afferma Coldiretti – quelli d’immagine, con gravi ripercussioni al paesaggio”.

“Rispediamo al mittente qualunque ipotesi fantasiosa che intenda trasformare gli olivicoltori in piromani ai fini di speculazione edilizia. Ricordiamo che il Consiglio regionale il 31 Marzo 2016 ha approvato la legge che impone nelle aree colpite da Xylella il divieto di cambio della destinazione urbanistica, così come non si può costruire per i sette anni successivi all’eventuale abbattimento” tiene a precisare il presidente di Coldiretti Lecce, Gianni Cantele.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*