Un consorzio familiare per le rapine alle aree di servizio: arrestati

BRINDISI – A fine maggio e gli inizi di giugno, tre rapine sono state messe a segno lungo la statale 379, tra Carovigno e Ostuni, in altrettante aree di servizio. La polizia ora ha arrestato un’intera famiglia: madre, figlio, la fidanzata di lui e il compagno della madre. In carcere la madre, Irene Maraschio, 44 anni, e il figlio, Marco Conte, 20 anni; ai domiciliari la fidanzata del giovane, Silvia Epifani, 20 anni, ed il compagno dalla Maraschio, Giuseppe Cordella, 46 anni. Il giovane sarebbe l’autore materiale, la sua famiglia faceva da “palo”.

Le prime due rapine risalgono al 29 maggio, ai danni delle aree di servizio IP e Esso. Conte sarebbe arrivato in moto con un comp,lice in corso di identificazione. Armato di pistola, avrebbe fatto incetta di biglietti Gratta e Vinci e dei soldi contenuti in cassa.

Pochi giorni dopo, il 5 giugno, nel mirino è finito di nuovo il distributore Esso. Stavolta il mezzo usato dai rapinatori era un’auto, una Fiat Punto, abbandonata con il motore ancora acceso, a causa dell’arrivo di un furgone portavalori con a bordo le guardie giurate. Il rapinatore è scappato a piedi per le campagne al margine della carreggiata, dove ad attenderlo, con ogni probabilità, c’era la famiglia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*