Riqualificazione piazzale stazione, ecco il progetto

LECCE – L’area oggetto di intervento del progetto che ha un valore economico di un milioni e 530mila euro comprende l’intero piazzale e viale Oronzo Quarta, fino all’incroio con le vie di Ussano e Don Bosco. L’intervento è quello del primo lotto funzionale del più generale ribaltamento della Stazione Leccese. Il progetto prevede di riservare tutto il piazzale dell’attuale ingresso ai soli mezzi di trasporto pubblico e ai taxi e di realizzare una vasta area pedonale di accoglienza e attesa dei viaggiatori. Uno spazio coperto da una moderna pensilina accoglie i viaggiatori all’uscita. A destra un percorso coperto conduce alle fermate del trasporto pubblico urbano, dove due più ampie pensiline coperte e attrezzate accolgono i viaggiatori.

Il percorso costeggia il “Giardino del Mondo” elaborato dagli studenti del quinto anno dell’Istituto Agrario “Presta-Columella”, uno spazio alberato arricchito da essenze provenienti da vari continenti a sottolineare la vocazione del Salento all’accoglienza e al dialogo tra i popoli

A sinistra dall’uscita, la stazione dei taxi, protetta e organizzata intorno a uno spazio d’attesa coperto. A pochi metri dall’area destinata ai taxi, la nuova stazione del bike sharing, 16 postazioni direttamente collegate all’ingresso della stazione.

I 13 pali del filobus, presenti nell’area del progetto, occasione per elaborare un sistema integrato di arredo urbano, denominato PALInsesto che li trasforma di volta in volta, in elementi di scenografia luminosa, sostegno per vegetazione rampicante, sostegno di pannelli pubblicitari ed informativi, di contenitori per la raccolta differenziata e sedute integrate . L’illuminazione a Led prevista per tutta l’area risponde ai criteri guida per le aree esterne alle stazioni ferroviarie. I fari di luce blu segneranno la visione notturna del progetto. Sulla grande pensilina un impianto fotovoltaico che alimenterà tutti i punti luce, rendendo l’intero progetto energeticamente autosufficiente.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*