Truffa all’Inps da 250mila euro: falsi braccianti e reddito di cittadinanza senza diritto

LECCE – I controlli serrati dei carabinieri del Comando provinciale di Lecce, dei militari del Nucleo carabinieri ispettorato del lavoro e degli ispettori dell’Inps di Lecce, nell’ambito dei servizi disposti e finalizzati a contrastare il fenomeno delle truffe ai danni dello Stato, hanno consentito di scoprire 63 falsi rapporti di lavoro denunciati in agricoltura da un’azienda agricola leccese che operava anche a Surbo. I militari hanno smascherato l’amministratore unico di una società agricola che, oltre a denunciare fittiziamente i 63 rapporti di lavoro, percepiva anche euro 700,00 mensili come indennità a sostegno del proprio reddito a titolo di “reddito di cittadinanza”.

Nella specifica attività, è stata accertata una truffa ai danni dell’istituto previdenziale di circa 250.000 euro e sono stati denunciati i 63 falsi braccianti agricoli.

Gli appezzamenti di terreno nei quali sono stati denunciati i lavoratori, di fatto non erano mai stati nella materiale disponibilità dell’azienda agricola; i reali proprietari degli stessi erano infatti ignari che sulla denuncia dell’azienda agricola, oggetto di controllo, risultassero in carico quei terreni.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*