Liverani studia la formula per dominare la Samp. Staffetta Saponara-Farias

Riccardo Saponara, 28 anni, centrocampista del Lecce (foto US Lecce, Anza e Marco Lezzi)

LECCE –  La squadra giallorossa ha archiviato le sfide contro Milan e Juventus, due partite proibitive sulla carta, due avversari che avevano improntato le rispettive preparazioni post sospensione sulla semifinale di Coppa. Oltre che dal punto di vista tecnico, già acclarato, la differenza si è vista pure dal punto di vista fisico. Anche il Lecce aveva bisogno di guardarsi allo specchio in una partita vera. Il confronto con il Milan ha messo in evidenza il ritardo del Lecce. E le parole di Liverani non sono state certamente al miele nei confronti dei propri calciatori, o di qualcuno in particolare. A Torino, fino a quando la squadra è rimasta in undici, il Lecce ha giocato con decisione, in maniera ordinata assorbendo bene le picconate della Juve. Una squadra che infonde un certo ottimismo per le prossime sfide, quelle con avversari più alla portata, ma comunque partite da far sudare freddo. A guadagnarci di più in questo concentrato estivo del campionato di Serie A sono proprio quelle squadre che hanno una rosa ampia, che possono gestire senza affanno eventuali defezioni dell’ultima ora. Le cosiddette piccole, invece, devono impinguare i propri organici ricorrendo al serbatoio del settore giovanile, ma è solo una questione numerica. Comunque, a Torino Liverani ha ritrovato Barak, il centrocampista ceco che aveva avuto qualche problema nella fase di preparazione post Covid. E si rivedrà pure contro la Sampdoria, forse dall’inizio. Contro la Juventus Liverani aveva lasciato inizialmente fuori pure Rossettini, Meccariello, Calderoni, Babacar, Saponara. Sulla linea difensiva aveva puntato su Rispoli, Donati, Lucioni, Paz e Vera. Mercoledì sera contro la Samp si potrebbe rivedere Calderoni dal primo minuto, sicuramente Rossettini anche perché Lucioni è squalificato. Rossettini, entrato a partita in corso a Torino, ha accusato al rientro in Salento un leggero stato febbrile, ma sicuramente ci sarà contro i blucerchiati. La novità contro la squadra allenata da Claudio Ranieri dovrebbe essere Farias. Il brasiliano sembra pronto al rientro. Liverani valuterà la sua autonomia, ma quasi certamente ci sarà spazio, molto o poco si vedrà. In attacco Babacar sarà il punto di riferimento dei compagni di squadra, i quali dovranno garantire maggiore appoggio all’attaccante senegalese, a secco dallo scorso 22 dicembre in occasione della partita contro il Bologna. Prima della sospensione del campionato l’attaccante di proprietà del Sassuolo era infortunato. Il periodo di lockdown è servito a restituire a Liverani un calciatore abile e arruolabile. Contro il Milan si è procurato un rigore, a Torino contro la Juventus, da metà secondo tempo, ha fatto quel che ha potuto contro Bonucci e De Ligt. Un attaccante che vuole dare un senso a questa sua strana stagione, tuttavia non la prima. Ed è ancora in tempo perché sa cosa serve al Lecce. Per l’attacco le soluzioni aumentano ma, come sottolineato, vanno utilizzati i giocatori che offrono la condizione migliore. Anche lo stesso Saponara, già reduce da una prima parte di campionato ai box, nel Genoa, ha dovuto fare i conti con lo stop imposto dalla pandemia. A Genova ha vissuto il derby con entrambe le squadre. Mercoledì sarà ex blucerchiato e sa benissimo che ora come ora le due genovesi sono le principali concorrenti salvezza del Lecce. Per la composizione dell’attacco Liverani potrebbe pensare a una staffetta Saponara-Farias se confermerà il 4-3-2-1. Falco, invece, salvo sorprese dell’ultima ora, sarà regolarmente in campo. Ci vuole un Lecce coperto e allo stesso tempo aggressivo in avanti. La formula migliore la sta studiando Liverani.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*