Lecce-Milan: conto alla rovescia nel segno di Mancosu

Mancosu e Saponara (foto US Lecce, Anza e Marco Lezzi)

LECCE – Conto alla rovescia, manca solo una settimana alla sfida col Milan, inizia il programma di allenamenti per arrivare pronti ad affrontare la squadra di Pioli, lunedì 22 giugno alle 19:30 al Via del Mare, che aprirà le porte per dare il via al nuovo inizio e soltanto per 300 persone tra addetti ai lavori e protagonisti.

E proprio in quello stadio vuoto bisognerà trovare le motivazioni giuste per ricominciare col piede giusto perché senza se e senza ma, la squadra di Liverani per rimanere in serie A dovrà conquistare 15 punti in 12 gare e giocherà un partita ogni 72 ore; serviranno gladiatori oltre che calciatori.

Allenamento in notturna questo lunedì sera proprio nell’orario in cui poi il 22 si scenderà in campo.

Sarà una settimana importantissima: da valutare Deiola che soffre di una gonalgia al ginocchio, una dolenzia che lo sta facendo lavorare in differenziato così come Farias e Mancosu per degli affaticamenti muscolari dovuti ai carichi di lavoro.

Si spera di recuperare tutti al 100% ma a livello scaramantico e simbolico sarebbe ottimo se a recuperare fosse il capitano castiga grandi che fino allo stop ha segnato 8 gol in 21 presenze.

Al Via del Mare, il mago sardo, ha messo la palla nel sacco contro la Juventus e contro l’Inter e adesso col Milan potrebbe chiudere un bel cerchio; senza dimenticare che ha segnato anche contro il Torino in trasferta e contro Spal e Napoli sia in trasferta che in casa e proprio quel pallone infilato nel sette del San Paolo è uno dei più belli dell’intera serie A 2019-20, una botta che ancora fa rumore sul pali dello stadio che fu il palcoscenico di Maradona.

Si prosegue nel segno di Mancosu, quindi, in direzione Milan nella settimana in cui si firmerà l’accordo per differire alla fine del campionato tutti i prestiti ed i contratti in scadenza a fine giugno.

Si scaldano i motori dunque al Via del Mare in attesa di gonfiare la rete e lasciarsi il passato alle spalle sperando che tutto torni alla normalità.

M.C.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*