Covid, 10 casi in Puglia: sono tutti concentrati nel Foggiano. Un decesso nel Brindisino

PUGLIA-  Sono in tutto dieci i nuovi casi di positività al Coronavirus riscontrati nelle ultime 24 ore in tutta la Puglia. E tutti e 10 sono concentrati nel Foggiano che, con i suoi 1.152 positivi dall’inizio dell’emergenza, è la seconda provincia più vessata subito dopo Bari, che di casi conta ne 1.473 sempre dall’inizio dell’emergenza.

Per la seconda volta, invece, il Salento conta zero casi. Lo stesso vale per la provincia di Bari e Bat. E questo su 2.626 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore.

E’ stato registrato un decesso, invece, in provincia di Brindisi.

Con riferimento alla situazione della Provincia di Foggia e in particolare al focolaio individuato il 24 maggio del nucleo familiare di 5 persone risultato positivo al coronavirus, il direttore della ASL locale Vito Piazzolla comunica che la Asl ha sottoposto a sorveglianza sanitaria 83 persone che quindi si trovano in isolamento. Al momento sono risultate positive altre 9 persone. Delle persone positive nell’ambito di questo focolaio, 3 hanno avuto necessità di ricovero.  Le altre sono in quarantena domiciliare e le loro condizioni di salute sono buone.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 109.499 test. Sono 2.471 i pazientiad oggi guariti.1.513 sono, invece, i casi attualmente positivi.

 La percentuale degli asintomatici rappresenta, ad oggi, il 56,4% dei casi. Il 9,6%,di contro, versa ancora in condizioni di salute definite “severe”, ossia gravi. Del 13% circa dei ricoverati, però, solo l’1,2% si trova di fatto nel reparto di Terapia Intensiva.

Occhi puntati, in questi giorni, soprattutto sulla ripartenza della Movida. I controllo straordinari interforze disposti sul territorio sono serratissimi. A Lecce martedì sera sono stati multati 7 giovani in Piazzetta Santa Chiara: non avevano rispettato il divieto di assembramento. Lo stesso è accaduto a Brindisi: qui, per lo stesso motivo, sono stati sanzionati in 14.

E.Fio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*