Tap, autorizzazione unica scaduta. I NoTap: “Qualche manina laboriosa rimedierà?”

MELENDUGNO – Tap, con l’Autorizzazione Unica del 20 Maggio 2015, l’allora Ministro dello Sviluppo Economico diede il via libera alla costruzione del gasdotto. Ebbene oggi, 20 maggio, i termini di conclusione dell’opera sono scaduti. Sulla questione intervengono gli attivisti No Tap, da sempre contrari all’opera, che si interrogano su cosa accadrà adesso.

“In quella Autorizzazione Unica, l’art. 5 -spiegano- dice: “I lavori di costruzione dell’opera dovranno iniziare entro il 16 maggio 2016 e concludersi entro 5 anni dalla data del presente decreto. L’operatività dell’infrastruttura dovrà avvenire entro il 31 dicembre 2020. L’art.5 -precisano- segue fedelmente le richieste della Commissione Europea. Il fatto che i termini siano scaduti e i lavori non siano ultimati è un fatto gravissimo -aggiungono- E’ possibile che Tap continui a lavorare nonostante l’autorizzazione unica scaduta? Chi dovrebbe vigilare ed eventualmente prendere provvedimenti sanzionatori?

Non ci sorprenderemmo se, dopo aver visto questo post, qualche “manina laboriosa” -concludono- ponesse rimedio a questa grave falla sistemica. Non sarebbe la prima volta.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*